Firmati con primari istituti finanziari impegni vincolanti per il finanziamento della società beneficiaria della separazione di Italgas da Snam

San Donato Milanese, 30 giugno 2016 – Nell’ambito del processo di separazione di Italgas da Snam sono stati sottoscritti impegni vincolanti di finanziamento con undici primari istituti finanziari nazionali e internazionali: Barclays, BNP Paribas, Gruppo Crédit Agricole, Cassa depositi e prestiti, Citi, ING, Intesa Sanpaolo, J.P. Morgan, Mediobanca, Société Générale e Unicredit.

Tali impegni vincolanti, per un ammontare complessivo di 3,9 miliardi di euro, consentiranno la copertura dei fabbisogni finanziari della società beneficiaria della scissione, compreso il ripagamento del debito verso Snam, e la doteranno delle risorse necessarie per rafforzare la propria leadership nel mercato della distribuzione del gas in Italia.

Le linee di credito, differenziate per natura e scadenza, comprendono un bridge to bond per un ammontare pari a 2,3 miliardi di euro con scadenza fino a 2 anni, linee di credito revolving per un ammontare pari a 1,1 miliardi di euro con scadenza compresa tra 3 e 5 anni e linee bancarie bilaterali per un ammontare pari a 500 milioni di euro con scadenza compresa tra 3 e 5 anni.

Gli impegni assunti dagli istituti finanziatori sono soggetti alle usuali condizioni di efficacia di mercato nonché alle stesse condizioni dell’operazione di separazione di Italgas tra cui il rilascio del provvedimento di Borsa Italiana di ammissione delle azioni della società beneficiaria alle negoziazioni sul MTA.

Snam è stata assistita da Orrick, Herrington & Sutcliffe in qualità di advisor legale. Gli istituti finanziari sono stati assistiti dallo studio Linklaters.