Flammarion

L’opera d’arte del maestro Oliviero Rainaldi svetta su Torino.

A dicembre 2021 è stata inaugurata la rinnovata sede torinese di Italgas in Largo Regio Parco. In quell’occasione, per celebrare e rafforzare lo storico legame con la città di Torino, è stata presentata l’opera “Flammarion” realizzata dall’artista Oliviero Rainaldi.

“Flammarion” è un’opera ricca di riferimenti simbolici che richiamano la fiamma – storico simbolo di Italgas – e il concetto delle costellazioni come insieme di corpi celesti distribuiti nello spazio secondo uno schema geometrico studiato e divulgato dall’astronomo Camille Flammarion a fine ‘800.

 

 

Oliviero Rainaldi Flammarion – Ph. Piero Mollica

La scultura si ispira alla fiamma. La parte strettamente scultorea riguarda le fiamme antropomorfe posizionate sulla sommità. La rimanente parte della scultura ha maggiormente coinvolto aspetti più legati all' ingegneristica e all' urbanistica, dato che il tutto si doveva integrare con un progetto più ampio di riqualificazione del territorio

Oliviero Rainaldi

L’opera, realizzata per Italgas e per tutta la città di Torino, è concepita come un’installazione diffusa e composta da un gruppo scultoreo articolato in più elementi.

Il gruppo principale è formato da sette colonne, quante sono le lettere che compongono la parola Italgas, sopra le quali sono riconoscibili sette figure umane che ricordano fiaccole antropomorfe che creano il profilo di una fiamma ardente come quella che per molti anni ha caratterizzato l’immagine dell’azienda.

La loro colorazione blu cangiante, che rafforzare l’idea della fiamma, è ottenuta con una verniciatura speciale che cambia continuamente con il modificarsi del punto di osservazione e della luce e che rimanda al movimento continuo della fiamma.

Le sette colonne del gruppo principale sono fissate su un basamento a forma di lettera Omega e formano un cerchio che permette di accogliere e abbracciare idealmente la città in un dialogo continuo tra il passato e presente, tra la storia del Gruppo e quella di Torino.

Oliviero Rainaldi Flammarion – Ph. Piero Mollica