Viene applicato a chiunque utilizzi la nostra rete di distribuzione una tariffa obbligatoria, fissata dall’Autorità e differenziata per ambito tariffario, per coprire i costi relativi ai servizi di distribuzione, misura e commercializzazione.

 

Da gennaio 2014 è entrata in vigore la “Regolazione delle tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione 2014-2019 (RTDG 2014-2019)” - approvata dall’Autorità - che regola le tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per le gestioni d’ambito, a integrazione delle precedenti disposizioni relative alle gestioni comunali e sovracomunali (573/2013/R/GAS).

Le tariffe, come definito dalla RTDG 2014-2019 (articolo 41), variano a seconda dell’area geografica (ambito tariffario), così definiti:

  • ambito nord-occidentale (Valle d’Aosta, Piemonte e Liguria)
  • ambito nord-orientale (Lombardia, Trentino–Alto Adige, Veneto, Friuli–Venezia Giulia ed Emilia–Romagna);
  • ambito centrale (Toscana, Umbria e Marche);
  • ambito centro – sud-orientale (Abruzzo, Molise, Puglia e Basilicata);
  • ambito centro – sud-occidentale (Lazio e Campania);
  • ambito meridionale (Calabria e Sicilia).

 

Con la Delibera 775/2016/R/gas l’Autorità ha definito dei criteri di aggiornamento infra-periodo, per il triennio 2017-2019, della regolazione tariffaria per i servizi di distribuzione e misura del gas, a partire dal 1 gennaio 2017.

ultimo aggiornamento Tue Aug 28 13:07:20 UTC 2018