Madrid, 15 maggio 2017 – Si è svolto oggi a Madrid un incontro tra il Commissario europeo per il Clima e l’Energia, Miguel Arias Cañete, e i cinque CEO di alcune tra le principali Società di distribuzione gas europee – tra i quali Paolo Gallo AD di Italgas – per confrontarsi sul tema della decarbonizzazione, sviluppo del biometano e nuovi utilizzi del gas naturale, innovative data management, data protection e cybersecurity. Tutti temi che dovranno essere adeguatamente esaminati a livello europeo in maniera organica e strutturata attraverso la revisione del Gas Market Design, come avvenuto per il settore elettrico.

I 5 CEO nel 2016 hanno dato vita a «Gas Distributors 4 Sustainability», una coalizione di alcuni tra i più grandi Distributori di gas in Europa: Italgas, Italia (Paolo Gallo), GRDF, Francia (Edouard Sauvage), Distrigaz Sud Retele, Romania (Vonjy Andriamanga), Galp Gás Natural Distribuição, Portogallo (Gabriel Sousa), Gas Natural, Spagna (Antoni Peris).

Il gruppo dei distributori europei ha espresso la propria soddisfazione per gli obiettivi e le finalità contenute nel pacchetto di misure pubblicate dalla Commissione Europea noto come “Clean Energy for All Europeans” o “Winter Package”. Le nuove norme tuttavia, secondo quanto sostengono i distributori di gas europei, dovranno essere particolarmente attente a rispettare il principio della neutralità tecnologica, evitando quindi di interpretare la decarbonizzazione nell’unica direzione dell’elettrificazione, oltre ad avere un approccio cost-effective.

Durante l’incontro con il Commissario Europeo i rappresentanti di GD4S hanno rimarcato il ruolo crescente del gas naturale e il suo contributo al raggiungimento dei target ambientali fissati dalla Cop21 di Parigi, al fine di affrontare la sfida dei cambiamenti climatici e della qualità dell’aria nelle nostre città e perseguire l’obiettivo di una società a basse emissioni.

I rappresentanti dei distributori del gas hanno sottolineato tra le altre cose come, in tema di inquinamento locale, l’utilizzo del gas naturale in sostituzione di combustibili tradizionali come il carbone, il gasolio o la biomassa, riduca drasticamente le emissioni di NOx e Sox ed elimini completamente le emissioni di particelle solide; in tema di riscaldamento globale, se il gas naturale già fornisce un’importante riduzione delle emissioni di CO2 rispetto al carbone e all’olio, il biometano, che rende il gas naturale rinnovabile, è in grado di raggiungere la neutralità della CO2 se non addirittura un saldo negativo.

I rappresentanti di «Gas Distributors 4 Sustainability» hanno infine sottolineato al Commissario Cañete l’opportunità di sostenere adeguatamente lo sviluppo del gas rinnovabile, allo stesso modo con cui sono state sostenute le altre energie rinnovabili nella loro fase di maturazione. Il gas rinnovabile, infatti è una soluzione estremamente vantaggiosa dal punto di vista ambientale perché “carbon neutral” ed immediatamente utilizzabile utilizzando il sistema infrastrutturale per il trasporto, lo stoccaggio e la distribuzione del gas naturale, esteso in modo capillare sul il territorio dell’Unione Europea.

Nel suo intervento, Paolo Gallo ha evidenziato che mentre si discute delle possibili evoluzioni del mercato europeo dell’energia «dobbiamo riconoscere che al momento abbiamo diverse applicazioni delle stesse regole europee, come ad esempio nel caso dei certificati bianchi: in Italia abbiamo un meccanismo che è lontano da un’efficace redistribuzione dell’onere degli obiettivi di risparmio energetico e lo fa ricadere integralmente a carico delle società di distribuzione elettriche e del gas. La differente applicazione a livello nazionale delle medesime norme europee porta a risultati diversi e maggiori costi per i clienti finali in alcuni paesi, con il risultato di allontanare, in definitiva, la formazione di un vero unico e omogeneo mercato del gas europeo. È qualcosa da pensare attentamente per trovare le giuste contromisure.

GD4S è un’associazione che sta muovendo i primi passi in queste settimane; ad oggi vi aderiscono i più importanti operatori della distribuzione del gas in Europa i quali servono in totale circa 25 milioni di clienti che rappresentano circa il 20% dei consumatori europei di gas naturale. Tra i suoi obiettivi, anche quello di mettere in comune le esperienze nei rispettivi mercati anche attraverso scambi di best practice allo scopo di migliorare il livello di qualità del servizio fornito ai clienti finali.

Nelle prossime settimane l’Associazione svolgerà ulteriori iniziative volte a diffondere la conoscenza dei vantaggi legati all’utilizzo del gas naturale e a valorizzare l’industria della distribuzione anche nei mercati nazionali.

***

Italgas
Italgas è il più importante operatore in Italia nel settore della distribuzione del gas naturale e il terzo in Europa. Con le sue 3.500 persone gestisce una rete di distribuzione che estende complessivamente per oltre 65.000 chilometri attraverso la quale, nel corso dell’ultimo anno, ha distribuito circa 8 miliardi di metri cubi di gas a 7,4 milioni di utenze. E’ quotata sul mercato azionario italiano nell’indice FTSE MIB della Borsa Italiana.

GRDF
Gaz Réseau Distribution France (GRDF) è una società di distribuzione gas controllata da ENGIE. GRDF svolge quotidianamente la sua missione di servizio pubblico collegando e fornendo gas a circa 11 milioni di utenti finali in Francia. GRDF progetta, costruisce, gestisce e mantiene questa rete in più di 9.500 città, garantendo la sicurezza delle persone e della proprietà, nonché la qualità del servizio.

Distrigaz Sud Retele
Distrigaz Sud Retele è una società di distribuzione del gas operante nel sud della Romania. Gestisce una rete di distribuzione che si estende per 19.000 chilometri e fornisce gas a 1,6 milioni di utenti finali.

Galp Gás Natural Distribuição
Galp Gás Natural Distribuição opera in Portogallo, dove gestisce una rete di distribuzione di circa 12.000 km e serve oltre 1 milione di utenti. Nel 2016 ha distribuito 1,4 miliardi di metri cubi di gas.

Gas Natural Distribuciòn
Gas Natural Distribución comprende 11 società di distribuzione operanti in tutte le regioni autonome della Spagna. Sono responsabili dello sviluppo, dell’esercizio e della manutenzione di una rete di distribuzione del gas che si estende per oltre 53.000 km, serve oltre 5,3 milioni di consumatori residenti in più di 1.000 città.

GAS: i Ceo di Italgas, GRDF, Gas Natural, Distrigaz Sud Retele, Galp Gás Natural Distribuição, incontrano il Commissario Europeo all’energia Cañete

File PDF 91 Kb

Scarica documento