L’Assemblea Generale nomina Paolo Gallo (CEO Italgas) Presidente per il 2020

In mattinata, nel corso di un meeting con la DG Energia della Commissione Europea, Ditte Juul Jørgensen, i sei CEO hanno rimarcato l’importanza dell’innovazione tecnologica e della digitalizzazione delle reti del gas nell’ambito dei processi di decarbonizzazione dell’Europa

Bruxelles, 30 gennaio 2020 – L’Assemblea Generale Annuale di GD4S, l’organismo che riunisce i sei maggiori operatori del settore della distribuzione del gas in Europa, ha nominato Paolo Gallo (Italgas) Presidente dell’Associazione per il 2020.

Italgas è il più importante operatore in Italia e il terzo in Europa. Con le sue 4.000 persone gestisce una rete di distribuzione che estende complessivamente per oltre 70.000 chilometri attraverso la quale, nel corso dell’ultimo anno, ha distribuito circa 9 miliardi di metri cubi di gas a 7,6 milioni di clienti. È quotata sul mercato azionario italiano nell’indice FTSE MIB della Borsa Italiana. Paolo Gallo è CEO della società dall’agosto 2016.

L’Assemblea di GD4S è stata preceduta, in mattinata, da un meeting con Ditte Juul Jørgensen, Direttore Generale Energia della Commissione Europea. Nel corso dell’incontro i rappresentanti di GD4S – Paolo Gallo CEO di Italgas (Italia), Ion Manescu, Deputy CEO di Distrigaz Sud Retele (Romania), Denis O’Sullivan, Managing Director di Gas Networks Ireland (Irlanda), Nuria Rodríguez Peinado, CEO di Nedgia (Spagna), Edouard Sauvage, CEO di GRDF (Francia) e Gabriel Sousa, CEO di Galp Gás Natural Distribuição (Portogallo) – hanno illustrato il punto di vista dell’associazione in merito al ruolo chiave delle reti del gas per il raggiungimento dell’obiettivo di neutralità climatica da parte dell’UE e contestualmente hanno approfondito gli intendimenti e le prossime iniziative legislative della Commissione in materia di emissioni climalteranti, strategia digitale, economia circolare e mobilità sostenibile e il loro impatto sul mercato del gas, in attuazione del “Green Deal” europeo annunciato dalla Presidente Von der Leyen.

Durante l’incontro, la DG Jørgensen ha riconosciuto l’importanza del ruolo del gas nel processo di transizione verso un’economia de-carbonizzata, nonché le potenzialità del biometano e dell’idrogeno distribuiti attraverso le reti gas. Ha inoltre sottolineato l’impegno della sua Direzione nello sviluppo di iniziative in tal senso e si è impegnata a lavorare con GD4S nell’ambito dei processi di transizione energetica in corso.

Nell’agenda odierna dei CEO anche altri due meeting: con Aleksandra Tomczak, componente del gabinetto di Frans Timmermans, vicepresidente della Commissione Europea, e con Kitti Nyitrai, dello staff di Kadri Simson, Commissario Europeo per l’Energia. In entrambe le occasioni i membri dell’associazione hanno ribadito l’intenzione di sostenere gli obiettivi di riduzione delle emissioni climalteranti, in linea con il Green Deal Europeo e con i Piani Nazionali per l’Energia e il Clima (NECP) in corso di approvazione.

In chiusura di giornata Paolo Gallo ha annunciato la disponibilità di Italgas a mettere a disposizione dei soci di GD4S la propria Digital Factory e a condividere i risultati delle sperimentazioni in corso sulle tecnologie più avanzate adottate dall’azienda.

GD4S – Gas Distributors for Sustainability, con sede a Bruxelles, è stata fondata nel gennaio del 2019. Come associazione, si impegna a decarbonizzare il sistema energetico europeo entro il 2050 e a liberare il potenziale dei gas rinnovabili e delle reti del gas. Insieme, i sei membri del GD4S servono 27,4 milioni di clienti, pari al 20% del mercato del gas dell’UE.

 

Contatti

W: https://gd4s.eu/

T: @gd4s_eu

Perfezionato l’accordo tra Italgas e A2A per la cessione reciproca di asset

Milano, 31 gennaio 2020 – Italgas e A2A hanno concluso oggi a Milano l’accordo per la cessione reciproca di alcuni asset al fine di rafforzare i rispettivi core business.

L’operazione, annunciata l’8 ottobre 2019, è stata perfezionata a seguito del verificarsi delle condizioni sospensive previste.

In particolare, Italgas Reti (Gruppo Italgas) ha ceduto ad A2A Calore & Servizi (Gruppo A2A) l’insieme delle attività di teleriscaldamento gestite nel comune di Cologno Monzese (Milano); contestualmente, Unareti (Gruppo A2A) ha ceduto a Italgas Reti le attività di distribuzione del gas naturale gestite in sette Comuni appartenenti all’ATEM Alessandria 4.

L’impianto del teleriscaldamento di Cologno Monzese è costituito da una rete di distribuzione di oltre 8 chilometri e serve 52 sottostazioni di scambio termico con vendite di calore per circa 26,1 GWh.

Le sette reti di distribuzione del gas nei Comuni di Castelnuovo Scrivia, Pecetto di Valenza, Bassignana, Rivarone, Guazzora, Montecastello e Pietra Marazzi si estendono complessivamente per oltre 140 chilometri e servono circa 4.200 utenze.

Accordo tra Italgas e A2A per la cessione reciproca di asset

Milano, 8 ottobre 2019 – Italgas e A2A hanno siglato ieri a Milano un accordo per la cessione reciproca di alcuni asset al fine di rafforzare i rispettivi core business.

In particolare, Italgas Reti (Gruppo Italgas) si impegna a cedere ad A2A Calore & Servizi (Gruppo A2A) l’insieme delle attività di teleriscaldamento attualmente gestite nel comune di Cologno Monzese (Milano); contestualmente, Unareti (Gruppo A2A) cederà a Italgas le attività di distribuzione del gas naturale gestite in sette Comuni appartenenti all’ATEM Alessandria 4.

L’impianto del teleriscaldamento di Cologno Monzese è costituito da una rete di trasporto e distribuzione di oltre 8 chilometri, serve 52 sottostazioni di scambio termico con vendite di calore per circa 26,1 GWh.

Le sette reti di distribuzione del gas nei Comuni di Castelnuovo Scrivia, Pecetto di Valenza, Bassignana, Rivarone, Guazzora, Montecastello e Pietra Marazzi si estendono complessivamente per oltre 140 chilometri e servono circa 4.200 utenze.

Il perfezionamento degli accordi è previsto entro dicembre 2019 ed è subordinato all’avveramento di alcune condizioni sospensive.

“L’operazione ci consente di cedere un’attività per noi secondaria a vantaggio del core business del Gruppo – ha commentato l’Amministratore Delegato di Italgas, Paolo Gallo – e grazie all’acquisizione di ulteriori sette reti di distribuzione rafforziamo la nostra presenza in una regione storica quale è il Piemonte, portando al 15% la quota di mercato detenuta nell’ATEM di Alessandria 4”.

“Questo accordo rappresenta un passo avanti coerente con le scelte di sviluppo e focalizzazione tracciate dal nostro Piano Industriale, un ulteriore tassello in termini di economia circolare e sostenibilità – afferma Valerio Camerano, Amministratore Delegato del Gruppo A2A – Il teleriscaldamento, di cui siamo leader in Italia con oltre 40 anni di esperienza nelle aree di Milano, Brescia e Bergamo, rappresenta una valida risposta alla salvaguardia della qualità dell’aria delle nostre città, a vantaggio dei cittadini e dei territori”.

Italgas: Calendario degli eventi societari per l’anno 2020

Milano, 29 gennaio 2020 – Italgas comunica il calendario degli eventi societari e le date di diffusione al pubblico dei risultati economico-finanziari che saranno esaminati dal Consiglio di Amministrazione nel corso del 2020:

Bilancio consolidato e progetto di bilancio di esercizio al 31 dicembre 2019;
Proposta dividendo 2019;
Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari 2019;
Relazione sulla Remunerazione 2020;
Dichiarazione non finanziaria 2019;Risoluzione PWC;
Convocazione Assemblea degli Azionisti.
Consiglio di Amministrazione

Comunicato Stampa e Conference Call*

11 marzo 2020

12 marzo 2020

Bilancio di esercizio 2019;
Delibera distribuzione utile dell’esercizio 2019;
Nomina nuovo revisore
Assemblea degli Azionisti

Comunicato stampa***

20 aprile 2020 in unica convocazione
Resoconto intermedio di gestione
al 31 marzo 2020
Consiglio di Amministrazione
Comunicato stampa e Conference call**
29 aprile 2020
Piano Strategico 2020-2026Consiglio di Amministrazione

Comunicato stampa e
Strategy Presentation*

10 giugno 2020

11 giugno 2020

Risultati del II trimestre e Relazione finanziaria semestrale relativa al primo semestre 2020Consiglio di Amministrazione

Comunicato stampa e Conference call**

27 luglio 2020
Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2020Consiglio di Amministrazione

Comunicato stampa e Conference call**

29 ottobre 2020

* Diffusione comunicato stampa a Borsa chiusa. Conference Call per la presentazione dei risultati/Piano Strategico nel pomeriggio dello stesso giorno;

** Diffusione del comunicato stampa al termine del CdA a Borsa aperta e, a seguire, Conference Call per la presentazione dei risultati alla comunità.

*** Diffusione comunicato stampa al termine dell’Assemblea;

Sono comunicate al mercato le date relative a:

pagamento del dividendo per l’anno fiscale 2019: 20 maggio 2020 (record date 19 maggio 2020), con data di stacco il 18 maggio 2020;

– roadshow per l’illustrazione agli investitori istituzionali e agli analisti finanziari degli obiettivi aziendali stabiliti nel Piano Strategico 2020-2026 a partire dal mese di giugno.

Eventuali variazioni alle date sopra riportare saranno tempestivamente comunicate.

Italgas si aggiudica la gestione del servizio gas nell’Ambito territoriale “Valle D’Aosta”

L’ambito si compone di 74 Comuni, di cui 24 attualmente metanizzati, per un totale di circa 20 mila utenze. Previsti investimenti per circa 100 milioni di euro che consentiranno di estendere il servizio a 17 nuovi Comuni raddoppiando i pdr in esercizio


Aosta, 2 gennaio 2020
 – La stazione appaltante di Aosta ha aggiudicato ufficialmente a Italgas la gara per la gestione del servizio di distribuzione del gas naturale nell’Ambito territoriale “Valle d’Aosta” per i prossimi 12 anni.

L’Ambito si compone di 74 comuni, di cui 24 attualmente metanizzati (serviti da circa 350 km di reti), per complessive 20 mila utenze finali e una RAB di oltre 40 milioni di euro.
Nell’offerta presentata, Italgas ha previsto investimenti per circa 100 milioni di euro finalizzati all’estensione delle reti verso aree non ancora raggiunte dal servizio, al potenziamento e alla digitalizzazione delle infrastrutture esistenti, all’ulteriore impulso al miglioramento della qualità e della sicurezza del servizio.

Tali investimenti genereranno un forte stimolo per l’economia locale, con ricadute anche in termini occupazionali, e l’estensione del servizio a nuovi territori garantirà anche importanti risparmi in bolletta e una significativa riduzione delle emissioni inquinanti.

Tra gli interventi previsti nel piano Italgas si segnalano in particolare:

  • la realizzazione di circa 270 chilometri di nuove reti e la metanizzazione di 17 nuovi Comuni, tra cui tutta la vallata compresa tra Aosta e Courmayeur;
  • l’incremento delle utenze servite, dalle attuali 20 mila a circa 40 mila nell’arco dei 12 anni di concessione;
  • la digitalizzazione completa della rete e degli impianti, compresa l’installazione di contatori intelligenti sul 100% delle utenze attuali e future;
  • interventi di efficienza energetica in oltre 70 edifici pubblici Regionali e Comunali.

L’offerta di Italgas ha permesso di superare la concorrenza di altri due operatori del settore conseguendo un significativo vantaggio nel punteggio complessivo. Hanno contribuito, con riferimento in particolare all’offerta tecnica, gli importanti interventi di innovazione tecnologica previsti in offerta, in linea con le direttrici di sviluppo del Piano Industriale del Gruppo che ha consentito a Italgas di consolidare ulteriormente la propria leadership in Italia e in Europa.

Dopo l’Ambito Torino 2 – ha commentato l’Amministratore Delegato di Italgas, Paolo Gallo – otteniamo un’ulteriore conferma in un territorio di forte e storico radicamento per Italgas come la Valle d’Aosta. Un risultato che testimonia la bontà del lavoro svolto e che ci permette di dare non solo continuità alla gestione del servizio sul territorio, ma anche di realizzare gli importanti programmi di investimento previsti per sviluppare il servizio anche in quelle aree non ancora raggiunte dal gas naturale e la completa digitalizzazione delle infrastrutture per un servizio sempre più efficiente e più sicuro”

Metano, Italgas raddoppia la rete in Valle D’Aosta

La società si aggiudica il bando per completare la metanizzazione. Oltre 20mila nuove utenze in 12 anni: l’infrastruttura arriverà fino a Courmayeur.

Raddoppiare in 12 anni la rete di distribuzione del gas naturale in Valle D’Aosta e il numero delle utenze che potranno usufruire della metanizzazione. Agli attuali circa 350 chilometri di rete se ne aggiungeranno ulteriori 270, mentre le utenze passeranno dalle attuali 20mila a oltre 40mila. In più, interventi di innovazione tecnologica su tutta l’infrastruttura e la metanizzazione di 17 nuovi Comuni, servendo, tra gli altri, tutta la vallata che porta da Aosta a Courmayeur. E’ l’offerta grazie alla quale Italgas è riuscita ad aggiudicarsi il bando per la metanizzazione indetto dal Comune di Aosta, stazione appaltante dell’ambito territoriale che di fatto coincide con i 74 Comuni della Regione. L’investimento messo in campo da Italgas è di circa 100 milioni di euro, che serviranno a implementare una serie di interventi migliorativi anche rispetto a quanto disposto dal bando di gara.

La storia del bando

Il bando è stato pubblicato dal Comune di Aosta, come capofila dell’ambito territoriale, nella primavera del 2018. Nasce dall’esigenza di completare il processo di metanizzazione della Regione, iniziato negli anni 90 del secolo scorso. Ad oggi in Valle d’Aosta sono metanizzati 24 comuni su 74, per un totale approssimativo di circa 20mila utenti. Tutto questo su un territorio che dal punto di vista orografico è particolarmente complicato, e dove fino a oggi risultano servite principalmente le aree a valle, ed i comuni più vicini all’autostrada fino ad Aosta e verso Ivrea.

Gli obiettivi del bando, che sono tutti stati spinti in avanti dall’offerta di Italgas, prevedevano originariamente la metanizzazione di 12 nuovi comuni, circa 170 km di nuova rete, con l’obiettivo di servire circa 30 mila utenze alla fine del periodo di affidamento.

Oltre all’estensione della rete il bando prevedeva una serie di interventi per l’innovazione tecnologica degli asset, con l’obiettivo di introdurre la possibilità di monitoraggio da remoto dell’infrastruttura.

Il progetto di Italgas: 100 milioni di investimenti su rete e innovazione

“Abbiamo costruito la nostra offerta cercando di rispondere nel modo più efficace possibile alle richieste degli Enti Concedenti – spiega Ruggero Bimbatti, Responsabile Gare di Italgas – per questo motivo abbiamo ottimizzato il progetto di gara e apportato anche notevoli miglioramenti con diverse nostre proposte aggiuntive. Proprio per garantire la massima diffusione del servizio di distribuzione del gas naturale ai cittadini oggi sprovvisti, abbiamo proposto la metanizzazione di 17 nuovi Comuni (5 in  più rispetto a quelli previsti dal bando di gara), ed in una situazione molto particolare dal punto di vista orografico abbiamo previsto la realizzazione di un impianto innovativo a gas naturale liquefatto (GNL). Siamo così arrivati a proporre complessivamente la posa di circa 270 chilometri di nuova rete che consentiranno di raddoppiare le attuali utenze, portandole ad oltre 40mila”.

Il piano da 100 milioni di euro di investimenti messo nero su bianco da Italgas prevede anche interventi importanti sul piano dell’innovazione tecnologica. “Abbiamo previsto un vero e proprio salto tecnologico per l’infrastruttura – sottolinea Bimbatti – proponendo la digitalizzazione completa della rete, grazie a sensori e centraline di raccolta dati che ci consentiranno di avere una capacità diagnostica estremamente puntuale e raccoglieranno informazioni in tempo reale, dalla pressione del gas alla concentrazione dell’odorizzante. E tutti i 40mila contatori saranno ‘intelligenti’, ovvero in grado di raccogliere e trasmettere in tempo reale i dati di consumo delle singole utenze”. Oltre a questo, per garantire la massima continuità e qualità del servizio Italgas ha previsto un intervento di interconnessione tra due impianti, due “isole” di distribuzione del gas che sono state collegate per assicurare ridondanza in caso di eventuali problemi temporanei di fornitura.

Il progetto di Italgas: il piano gestionale e l’efficienza energetica

Al centro dell’impegno di Italgas ci sono l’attenzione alla sicurezza e alla qualità del servizio, anche in questo caso con un’offerta di altissimo livello, e decisamente migliorativa rispetto agli standard oggi previsti da ARERA, L’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente. L’offerta prevede infatti l’ispezione del 100% della rete ogni anno, per garantire la massima sicurezza possibile nella gestione del servizio. Inoltre, l’offerta prevede un incremento significativo nelle performance legate al servizio di pronto intervento. Infine, anche per le nuove attivazioni la società ha deciso di assicurare tempi più rapidi rispetto a quelli minimi previsti dal Regolatore.

Tra gli interventi migliorativi proposti da Italgas c’è anche la fornitura gratuita di caldaie nuove per oltre 70 edifici pubblici Regionali e Comunali, proposta che va nel solco della sostenibilità e dell’efficientamento energetico.

I benefici ambientali della metanizzazione

Nella predisposizione della propria offerta Italgas ha effettuato alcuni approfonditi studi per evidenziare gli effetti positivi della metanizzazione per il territorio e per i cittadini Valdostani. Particolarmente significativo il beneficio ambientale connesso al progetto di metanizzazione presentato da Italgas. Grazie al gas naturale sarà possibile un abbattimento sostanziale dei principali inquinanti (PM,CO2,SOx,NOx) rispetto alla situazione attuale, caratterizzata da un mix energetico costituito principalmente da legna, gasolio e Gpl (gas di petrolio liquefatto). Per fare un esempio, nell’arco della concessione, le emissioni in atmosfera evitate saranno pari ad oltre 3 volte le emissioni di particolato (PM10 e PM2.5) generate dall’intera regione Valle d’Aosta in un anno.

I benefici economici della metanizzazione

La rete del gas naturale porta con sé anche significativi benefici economici per gli utenti e per il territorio: grazie al “fuel switch” gli utenti che oggi consumano gasolio o Gpl, a parità d’energia resa, potranno infatti spendere in bolletta dal 30 al 50% in meno utilizzando il metano. C’è poi da considerare l’effetto moltiplicatore degli investimenti sull’indotto: i 100 milioni messi in campo da Italgas produrranno infatti sul Pil regionale ricadute per quasi 300 milioni di euro, oltre all’importante impatto occupazionale ed al fatto che la disponibilità del metano contribuirà ad aumentare il valore immobiliare nelle località raggiunte.

La roadmap degli interventi

L’obiettivo primario è quello di garantire la diffusione del servizio alle località non raggiunte nel più breve tempo possibile. Naturalmente il piano di realizzazione degli interventi dovrà tenere conto delle peculiarità territoriali legate alla stagionalità ed alla struttura orografica del territorio. Tutto questo facendo attenzione ad impattare il meno possibile sulle aree centrali e turistiche, soprattutto nei periodi di alta stagione, per non provocare particolari disagi alla viabilità cittadina.

Ultimo aggiornamento: