L’Assemblea degli Obbligazionisti di Snam approva la separazione di Italgas da Snam

NON DESTINATO ALLA PUBBLICAZIONE E DIFFUSIONE NEGLI STATI UNITI, CANADA E GIAPPONE

San Donato Milanese, 30 settembre 2016 – L’Assemblea degli Obbligazionisti di Snam, riunitasi oggi in unica convocazione presso la sede della Società a San Donato Milanese, ha approvato la separazione di Italgas da Snam, mediante un’operazione unitaria e sostanzialmente contestuale, da realizzarsi presumibilmente entro il 31 dicembre 2016. I detentori delle obbligazioni sottoelencate hanno approvato l’operazione che prevede, tra l’altro, la scissione parziale e proporzionale e la conseguente quotazione presso il Mercato Telematico Azionario (MTA) di Milano della società beneficiaria della scissione, che andrà a detenere direttamente l’intero capitale sociale di Italgas Reti SpA.

L’86,21% del nozionale in circolazione delle obbligazioni è intervenuto in Assemblea e il 99,69% del nozionale delle obbligazioni rappresentate in Assemblea ha votato a favore.

L’operazione è stata approvata dall’Assemblea Straordinaria degli Azionisti Snam che si è tenuta il 1° agosto 2016. Tutte le informazioni relative all’operazione sono incluse nei comunicati stampa e negli altri documenti precedentemente diffusi e disponibili sul sito internetwww.snam.it. L’emittente corrisponderà agli obbligazionisti una commissione (consent fee), secondo la prassi di mercato, in conformità con quanto previsto nella relativa documentazione.

L’avviso sui risultati dell’Assemblea degli Obbligazionisti è disponibile sul sito di Snam www.snam.it ed è inoltre pubblicato sul sito internet della Borsa del Lussemburgo (www.bourse.lu).

 

Risultati per ogni Serie di Obbligazioni:

 

Serie
Codice ISIN
Descrizione
Nozionale in circolazione
Istruzioni di Votoricevute dagli Obbligazionisti 1 (%)
Istruzioni di Voto a favore 2 (%)
7
XS0914292254
€1,250,000,000 2.375 per cent. Notes due 30 June 2017
€999.915.000
84,24%
100%
3
XS0829183614
€1,500,000,000 3.875 per cent. Notes due 19 March 2018
€1.200.046.000
86,45%
99,82%
9
XS0969669463
€70,000,000 2.625 per cent. Notes due 10 September 2018
€70.000.000
100%
100%
2
XS0806449814
€1,000,000,000 5.000 per cent. Notes due 18 January 2019
€850.050.000
89,85%
99,35%
14
XS1061410962
€500,000,000 1.500 per cent. Notes due 24 April 2019
€500.000.000
76,40%
100%
11
XS0985872414
‎¥‎10,000,000,000 1.115 per cent. Notes due 25 October 2019
¥‎10.000.000.000
100%
100%
6
XS0853682069
€1,250,000,000 3.500 per cent. Notes due 13 February 2020
€1.250.000.000
86,40%
99,95%
8
XS0914294979
€500,000,000 3.375 per cent. Notes due 29 January 2021
€500.000.000
89,20%
99,04%
4
XS0829190585
€1,000,000,000 5.250 per cent. Notes due 19 September 2022
€1.000.000.000
86,93%
98,73%
15
XS1126183760
€750,000,000 1.500 per cent. Notes due 21 April 2023
€750.000.000
84,26%
100%
16
XS1318709497
€750,000,000 1.375 per cent. Notes due 19 November 2023
€750.000.000
84,46%
100%
12
XS1019326641
€600,000,000 3.250 per cent. Notes due 22 January 2024
€600.000.000
88,90%
100%

 

DISCLAIMER

Il presente comunicato stampa (e le informazioni in esso contenute) non potrà essere diffuso, né direttamente né indirettamente in altre giurisdizioni e, in particolare, Giappone, Canada e Stati Uniti D’America o in qualsiasi altro paese nel quale l’emissione dei titoli citati nel presente comunicato stampa non sia consentita in assenza di specifiche autorizzazioni da parte delle autorità competenti e/o comunicato ad investitori residenti in tali paesi. Ogni soggetto che entri in possesso del presente comunicato stampa dovrà preventivamente verificare l’esistenza di tali normative e restrizioni e attenersi alle stesse. I titoli citati nel presente comunicato stampa non sono stati, né si prevede saranno in futuro, registrati ai sensi dello United States Securities Act of 1933, come modificato; pertanto, non possono essere offerti o venduti, direttamente o indirettamente, negli Stati Uniti, eccetto in regime di deroga.

 

1 Come percentuale del nozionale in circolazione

2 Come percentuale del totale dei voti ricevuti dagli Obbligazionisti